Abbiamo trovato un’impostazione o una serie di settaggi di uno o più effetti che vorremmo salvare per futuri utilizzi?

La procedura è piuttosto semplice ma vediamo insieme tutti i singoli passaggi.

Come al solito partiamo da un esempio.

Abbiamo creato una transizione all’attacco di una clip della durata di circa 15 frames. Abbiamo utilizzato due effetti: Procamp con animazione della Luminosità da 90 a 0 (in modo da dare in apertura un flash bianco) e Sfocatura gaussiana con Sfocatura da 20 a 0 per enfatizzare (con un fuori fuoco) l’effetto del flash.

effetti predefiniti

L’effetto ottenuto è il seguente:

Il nostro obiettivo è quello di creare un nuovo preset (predefinito) che contenga entrambi gli effetti con i relativi fotogrammi chiave, quindi anche con tutte le animazioni inserite.

Per fare questo selezioniamo il nostro Procamp e la Sfocatura gaussiana (tenendo premuto Ctrl/Cmd) e clicchiamo sul tasto destro del mouse.

Comparirà questa finestra di selezione:

effetti predefiniti

Clicchiamo su Salva predefinito. Si aprirà una nuova finestra nella quale inseriremo il nome del predefinito e una sua eventuale descrizione.

effetti predefiniti

Nell’area centrale della finestra abbiamo tre possibili opzioni. La scelta di una di queste condizionerà il posizionamento degli eventuali fotogrammi chiave negli utilizzi futuri del predefinito.

effetti predefiniti

Scala: adatta le distanze tra i fotogrammi chiave in proporzione alla durata della clip. Nel nostro caso abbiamo posizionato i fotogrammi chiave alla distanza di 15 frames per una clip che dura 2 secondi. Quando andremo ad inserire il predefinito su una clip di 4 secondi la distanza tra i fotogrammi chiave passerà a 30 frames. Tutto perfettamente proporzionale.

effetti predefiniti

Ancora ad attacco: viene preso come riferimento la distanza tra il punto di attacco della clip e il primo fotogramma chiave. Questa distanza rimarrà invariata per tutti gli utilizzi del predefinito. Nel nostro caso la distanza attacco/primo fotogramma chiave è pari a 0. Tutte le volte che applicheremo il predefinito il flash partirà esattamente all’attacco della clip (questa è la scelta ottimale per l’effetto che abbiamo realizzato).

effetti predefiniti

Ancora a stacco: viene preso come riferimento la distanza tra l’ultimo fotogramma chiave e il punto di stacco della clip. Questa distanza rimarrà invariata per tutti gli utilizzi del predefinito. Nel nostro caso l’ultimo fotogramma chiave è posizionato al frame 15 e la clip termina al frame 50 (2 sec). La distanza è pari a 35 frames. Tutte le volte che applicheremo il predefinito il flash terminerà sempre 35 fotogrammi prima del punto di stacco della clip.

Una volta salvato, possiamo ritrovare il predefinito all’interno dell’omonimo raccoglitore nel pannello Effetti. E potrà essere caricato su ogni clip alla stregua di tutti gli altri effetti.

Nel pannello Controllo effetti compariranno tutti gli effetti inseriti nel predefinito e tutti i keyframes in accordo con le impostazioni scelte in fase di creazione.

effetti predefiniti

Possiamo modificare queste impostazioni (nome, descrizione e tipo) cliccando col tasto destro del mouse sul nome del predefinito e scegliendo Proprietà predefinito.

effetti predefiniti

Una feature molto utile è quella di poter slegare il predefinito dalla propria installazione di Premiere Pro per poter essere importato e gestito anche da altre installazioni e quindi da altri utenti.

E’ sufficiente, dopo aver cliccato sul tasto destro del mouse sul nome del predefinito, scegliere Esporta predefiniti.

Verrà creato un file .prfpset che potrà essere salvato e importato da un’altra installazione di Premiere Pro: dal menu del pannello Effetti (icona con tre linee orizzontali) selezioniamo Importa predefinito.

Una volta importato, il nome del predefinito che comparirà nel pannello Effetti non sarà quello del file .prfpset ma il nome inserito a suo tempo nel pannello di creazione del predefinito.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: