Se in un progetto abbiamo necessità di affidare la post-produzione audio a persone esterne che lavorano con tools dedicati (ad esempio Avid Pro Tools) una possibilità è quella di utilizzare il formato di interscambio AAF (Advanced Authoring Format).

Vediamo di cosa si tratta.

Prendiamo la nostra timeline e all’interno del menu File/Esporta scegliamo AAF.

AAF
AAF

La finestra di esportazione AAF ha qualche settaggio in più rispetto alle versioni precedenti.

AAF

Non consideriamo (e quindi non attiviamo) il check su mixdown video e concentriamoci unicamente sulla sezione audio che è quella che maggiormente interessa a chi si occuperà della post-produzione audio.

Abilitiamo la scomposizione in mono delle tracce audio.

AAF

Quindi decidiamo di renderizzare gli effetti audio applicati alle clip e di includere anche le versioni audio senza effetti in modo da permettere massima possibilità di personalizzazione in post-produzione.

AAF

Ora dobbiamo settare i parametri qualitativi dell’audio.

Tutte le impostazioni di default vanno benissimo. L’unica che eventualmente possiamo modificare è il numero di bit per campione. Alziamo il valore a 24 bit per ottimizzare la gamma dinamica.

AAF

Clicchiamo su Ok e selezioniamo la cartella dove salvare il nostro file AAF.

AAF

Dopo qualche istante di attesa il file AAF verrà generato e inserito nella cartella designata.

AAF
AAF

Tutti gli effetti e le transizioni non supportate verranno messe in evidenza da una specifica schermata di log.

AAF
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: