A partire dalle ultime versioni di Adobe Premiere Pro CC avrete notato la presenza di un suffisso (obsoleto) nei nomi di molti effetti, prima video e poi anche audio (con la CC 2017).

La lenta ma continua integrazione delle funzionalità di Speedgrade e ora di Audition all’interno di Premiere Pro ha fatto sì che alcuni effetti storici siano diventati ridondanti a altri invece sostituiti con una nuova versione più aggiornata e performante.

C’è da fare ora una distinzione tra effetti video obsoleti e effetti audio obsoleti.

Gli effetti video interessati sono:

Colore automatico, Contrasto automatico, Correttore colore RGB, Correttore colori a tre vie, Correttore luma, Correttore rapido colori, Curva luma, Curve RGB, Livelli automatici, Ombra/Luce, Sfocatura veloce

Possiamo notare come molti di questi siano effetti di primo piano nella post-produzione su Premiere.

In particolare tutti quelli relativi alla gestione del colore.

Adobe però ha fatto la scelta di puntare molto sul pannello Lumetri Color e in pratica sia le curve, i correttori e gli altri effetti ora obsoleti possono essere gestiti tutti (o quasi) tramite Lumetri.

Prendiamo ad esempio il Correttore colori a tre vie. Uno degli effetti must, presente in quasi tutti i software di editing. Una delle sue applicazioni principali è quella di gestire la correzione colore secondaria, mirata su maschere basate sul luma, saturazione e tonalità. Bene, questa funzionalità è presente ora anche su Lumetri Color, per cui il correttore colori a tre vie diventa ridondante.

lumetri color

Altro esempio è la sfocatura veloce, divenuta superflua in quanto sostituita da un upgrade della sfocatura gaussiana, con l’inserimento del check “ripeti pixel del bordo” e il supporto per l’accelerazione GPU.

sfocatura gaussiana

Comunque non vi preoccupate, gli effetti video obsoleti possono ancora essere applicati alle vostre clip. Anche se il consiglio è di utilizzare da ora in avanti i nuovi strumenti, perché non sappiamo quando e come Adobe li eliminerà definitivamente, con conseguenti problemi con l’apertura di progetti che li utilizzano.

Leggermente differente è la situazione delle effetti audio obsoleti (introdotti dalla CC 2017):

Chorus, Compressore multibanda, Correttore intonazione, DeClicker, DeCrackler, DeEsser, DeHummer, DeNoiser, Dynamics, EQ, Flanger, Phaser, Reverb, Riduzione rumore spettrale

Ognuno di questi effetti ha un suo naturale sostituto e tutte le volte che cercate di caricarlo su una clip audio vi comparirà un avviso in cui è indicato anche il nome del nuovo effetto e un consiglio ad utilizzarlo.

effetti audio obsoleti

Nei prossimi articoli analizzeremo uno ad uno tutti i nuovi tools audio messi a disposizione degli utenti di Premiere Pro CC 2017.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: