Togliamoci subito il pensiero.

Premiere Pro CC non può non può masterizzare direttamente un DVD e neppure creare un’immagine dello stesso.

E quindi? Se devo creare un DVD dalla mia sequenza come devo procedere?

Prima di iniziare è doveroso fare una premessa.

Noi parleremo sempre e solo di DVD-Video (con struttura DVD leggibile dai lettori da tavolo e non) con standard PAL Widescreen (720x576) (Pixel Aspect Ratio 1.4587)

Bene, le soluzioni da adottare possono essere due:

– Si importa la sequenza (o le sequenze) su Encore CS6 e si esegue la costruzione di tutta la struttura compresa la transcodifica

– Si esegue la transcodifica su Premiere Pro al fine di generare file compatibili con la struttura DVD

In particolare noi ci occuperemo della seconda procedura che prevede l’utilizzo di Premiere Pro per l’encoding.

PUNTO 1 – ADATTARE LA RISOLUZIONE DELLA SEQUENZA

Se abbiamo costruito la timeline direttamente a 720x576 Widescreen siamo a posto. Premiamo CTRL(CMD)+M per aprire la finestra di esportazione e andiamo al “punto 2”.

Se abbiamo una timeline a risoluzione diversa, ad esempio in 1920x1080 dobbiamo risolvere il problema dell’adattamento del quadro a 720x576. Premiamo CTRL(CMD)+M per aprire la finestra di esportazione

In caso di sequenza a 1920x1080 ci si presenta davanti questa situazione:

 

Siccome l’aspetto del quadro 1920x1080 è diverso dal 720x576 Widescreen, il ridimensionamento sorgente (in alto nella foto) a scala e adatta lascia due evidente bande nere ai bordi sinistro e destro.

Come risolvere il problema senza deformare l’immagine?

In ridimensionamento sorgente scegliamo “scala per riempire” (scale to fill).

L’immagine risulterà leggermente croppata in alto e in basso ma non avremo più bande nere, evitando stretching indesiderati.

PUNTO 2 – IMPOSTAZIONI DI ESPORTAZIONE

Siccome lo standard DVD-Video utilizza il codec MPEG2, nelle opzioni formato scegliamo MPEG2-DVD.

Nei predefiniti selezioniamo PAL DV Wide Progressivo.

 

Nelle IMPOSTAZIONI VIDEO DI BASE settiamo la QUALITA’ a 100 e scegliamo come codifica birate CBR 7Mbps.

CBR è l’acronimo di Constant Bitrate (bitrate costante), il che significa che il video viene compresso con una quantità di bit costante nel tempo, indipendentemente dal contenuto dell’immagine.

Il DVD-Video riesce a gestire al massimo circa 10Mbps, che si riducono a 8Mbps nel caso di funzionalità multi-angolo.

Siccome questo valore dipende molto anche dai DVD player utilizzati per la riproduzione, conviene scegliere un bitrate (nel nostro caso 7Mbps) che ci permetta di avere la sicurezza di corretta lettura e al contempo elevata qualità di riproduzione.

PUNTO 3 – ENCODING

Infine settiamo MASSIMA QUALITA’ DI RENDERING e clicchiamo su ESPORTA.

PUNTO 4 – AUTHORING

Verranno esportati un file video .m2v e un file audio windows waveform (wav).

Questi files dovranno quindi essere passati al software di authoring che si occuperà della creazione della struttura DVD e della eventuale masterizzazione su disco (ad esempio Encore CS6).

In questo modo sarete sicuri della qualità del vostro DVD. In quanto avete controllato in maniera precisa la compressione MPEG2. Il software di authoring pertanto non dovrà eseguire alcuna transcodifica ma semplicemente caricherà i file creati direttamente sulla struttura DVD.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: